PARTNER

INFO

Yowalk è un dispositivo medico CE. 
E' detraibile dalle spese mediche nella dichiarazione dei redditi. Identificativo di registrazione: BD/RDM 1763389

CONTACT & SOCIAL

e-mail: info@yowalk.it  |  tel.: +39 349 358 9306

  • Grey Facebook Icon
  • Grey Instagram Icona
  • Grey YouTube Icon

© 2019 by Yowalk Italia | Ruiz Onil - P.Iva 05134860286

The Impossible First

Antartide: immensa calotta polare, vasta 14.000.000 kmq, ricoperta di ghiaccio per il 98% della superficie, dal clima ancor più rigido rispetto all’opposto Polo Nord: le temperature toccano decine di gradi sotto lo zero e si originano venti che provocano violentissime bufere di neve. È un’unica e compatta coltre di ghiaccio dallo spessore medio di 1600 m, dalla quale si staccano e navigano sul mare degli enormi pezzi, gli iceberg (nel 1927 ne venne avvistato uno lungo 160 km).

È il continente più freddo, inabitabile e remoto della Terra.


Un giovane originario dell’Oregon, nel 2008, ha il 25% del corpo ustionato a causa di un incidente avvenuto durante una festa in spiaggia, dopo aver provato a saltare una corda incendiata.

È ferito gravemente, di fronte ad una sedia a rotelle perché secondo i medici, non potrà più camminare.


Un luogo e uno sfortunato avvenimento; quale legame possono avere?


L’anello di congiunzione si chiama Colin O’ Brady, che fece la sua promessa più importante: tornerà a camminare.

E non si è limitato a tornare a camminare.

Dopo il periodo di riabilitazione, ha partecipato alla sua prima gara di Triathlon.

Ha scalato montagne.

Ha attraversato l’Antartide da solo, a piedi, in 54 giorni. 1600 km immerso nella neve, trainando una slitta che conteneva viveri e il necessario per la sua sopravvivenza, che pesava ben 180 kg.

Un’impresa per chi sceglie di intraprenderla, che diventa unica perché è stata portata a termine da lui. Una spedizione soprannominata The Impossible First: dall’Oceano Atlantico all’Oceano Pacifico, dalla barriera di ghiaccio delle Ronne alla banchina di Ross, passando per il Polo Sud.

Indossa gli sci da fondo e parte il 3 Novembre 2018 per la missione che lo trasformerà nel primo uomo al mondo che ha attraversato l’Antartide da solo, senza alcun tipo di supporto e senza rifornimenti.




È stato un viaggio che spesso ha provato il giovane 33enne dalla fatica, dal freddo e dalla solitudine. Le difficoltà, i pensieri, gli imprevisti, i disguidi, hanno inasprito un’avventura resa già complessa dall’inospitalità dei luoghi. Consideriamo la problematicità nel percorrere i sastrugi, irregolarità taglienti del suolo nevoso o congelato, generate dalla fortissima azione del vento; il termometro che puntava decine e decine di gradi sottozero; la stanchezza; il vento ghiacciato che non solo modellava la superficie, ma rendeva anche difficile l’avanzamento, data la sua potenza e la scarsa visibilità che ne conseguiva. La solitudine, il non poter condividere i pensieri e le paure con nessuno.


Il 12 Dicembre è al Polo Sud. Mantiene una media di 30 km al giorno, ma è capitato che ne percorresse anche 40, camminando per 12 ore al giorno.

Il suo tragitto poteva essere seguito dal suo sito che lo teneva monitorato tramite il segnale GPS.


Come se tutto ciò non bastasse, Colin O’ Brady ci regala un finale grandioso, scrivendo una storia nella storia: ha camminato 130 km negli ultimi due giorni di viaggio, con uno sforzo talmente intenso da essere 5 volte superiore ai suoi ritmi. Le 32 ore finali le ricorda come le più impegnative della sua vita, ma anche come le più belle. Era concentrato nel raggiungere l’obiettivo che vedeva sempre più vicino, nonostante la fatica accumulata nell’intero viaggio.

Ed è così che conclude la sua impresa, il 26 Dicembre 2018, tre giorni prima del suo collega di avventura Louis Rodd, che raggiunge il traguardo il 29 Dicembre.

Rodd quindi è il secondo uomo nella storia ad aver compiuto la traversata, portando con sé la bandiera dell’amico Henry Worsley che pochi anni prima era deceduto a poche miglia dall’obiettivo, tentando di portare a termine la medesima impresa.

L’incontro tra i due alla fine della missione, è segnato dalla vicinanza per aver vissuto le stesse emozioni e le stesse fatiche, dall’amicizia, dai complimenti reciproci, dai sorrisi di soddisfazione e da sincere congratulazioni. Nulla di tutto ciò può avere il sapore della sfida.

Un’avventura che se vissuta in due, genera ‘un profondo legame, destinato a durare tutta la vita’.

0CARRELLO