PARTNER

INFO

Yowalk è un dispositivo medico CE. 
E' detraibile dalle spese mediche nella dichiarazione dei redditi. Identificativo di registrazione: BD/RDM 1763389

CONTACT & SOCIAL

e-mail: info@yowalk.it  |  tel.: +39 349 358 9306

  • Grey Facebook Icon
  • Grey Instagram Icona
  • Grey YouTube Icon

© 2019 by Yowalk Italia | Ruiz Onil - P.Iva 05134860286

PASSEGGIANDO PER IL VENETO

Completiamo lo spazio che abbiamo dedicato al Veneto in un precedente articolo, con altri tre itinerari da scoprire insieme: qui si scalano montagne, si cercano fossili e si contemplano cascate!


MONTE CRISTALLO, 3221 m (BELLUNO)

È una meta che interessa gli alpinisti già dal XIX secolo, essendo tra i monti più alti e più belli delle Dolomiti. Basterebbe come motivazione, ma non è l’unica. Offre percorsi meravigliosi e panorami mozzafiato, che fanno sentire l’uomo piccolo di fronte alla maestosità della roccia. È un’escursione impegnativa, ma inimitabile.


Partenza: Passo Tre Croci (1803 m) seguendo il sentiero 203

Lunghezza: 37,7 km

Tempo stimato: 9 ore totali

Dislivello: in salita 1400 m

Livello difficoltà: ci sono tratti faticosi dovuti anche al terreno friabile. Serve impegno ed esperienza nell’ambito dell’alpinismo.


Quando si raggiunge il Rifugio Lorenzi (3000 m, chiuso), inizia il sentiero Dibona che collega il luogo alla località Ospitale. È una ferrata che non annoia: è composta da scale metalliche, passerelle in legno, cavi metallici, tunnel di guerra.

Il fiore all’occhiello di questo sentiero, nonché simbolo del percorso, è il Ponte Sospeso, lungo 30 m. Gli appassionati del genere, avranno piacere di scoprire che proprio qui, nel 1993, è stato girato il film di Sylvester Stallone Cliffhanger - L’ultima sfida.



BOLCA (VERONA)

Stiamo parlando di una zona famosa per avere il sito paleontologico dell’Eocene più importante al mondo: qui si trovano i giacimenti fossiliferi più autorevoli, che regalano agli studiosi reperti risalenti a 50 milioni di anni fa, e che sono salvaguardati anche in musei sparsi in tutto il pianeta (Verona, Londra, USA, Parigi).

Tutt’oggi resta aperta la domanda sul perché qui vi è un’altissima concentrazione di fossili, principalmente di pesci (i reperti recuperati sono oltre 100.000). Tutto fa considerare accadimenti catastrofici che hanno causato morti di massa. Nello specifico, si può ipotizzare un’intensa attività vulcanica sottomarina, che con le eruzioni e lo spargimento di gas ha reso l’ambiente poco vivibile. Oppure, si può pensare alla ciclica red water (acqua rossa): avviene anche oggi nei Tropici e riguarda un improvviso aumento di plancton che toglie ossigeno agli altri organismi.

Non è da escludere però una normale mortalità di pesci in un mare che ne ospitava innumerevoli.

Resta comunque aperta la domanda su cosa sia davvero successo a Bolca, milioni di anni fa.

Ciò che è certo è che una volta morti, i pesci si adagiavano velocemente in profondità (velocità che ha permesso che arrivassero intatti sul fondale) ed erano poi ricoperti altrettanto velocemente da fanghiglia calcarea prima ancora che venissero mangiati da altri predatori. Il risultato della rapidità di tale processo, è la conservazione dei resti quasi sempre perfetta.

Non solo pesci, però: molluschi, crostacei, alghe, addirittura palme alte diversi metri hanno rivisto la luce dopo milioni di anni.

Affascinante pensare alla laguna che c’era prima su quella collina di 800 m!

Dato l’attraente interesse che suscita il luogo, segnaliamo la presenza di sei percorsi circolari (rosso, blu, viola, arancione, ciclamino, verde) che hanno come punto di partenza e di arrivo il Museo dei Fossili di Bolca, a parte il sentiero arancione che ha come punto di inizio e di fine la Chiesa di S. Antonio Abate di Vestenavecchia.

Passeggiando in queste zone, si possono conoscere il Monte Postale (importante giacimento di fossili di pesci), le gallerie della Pesciara (luogo che vanta il maggior numero di ritrovamenti di pesci), il Monte Purga (antico vulcano dove è riemerso il bellissimo fossile di una tartaruga e il fossile più completo al mondo di un coccodrillo) e il Monte Spilecco, che conferma la presenza di un’antica spiaggia disseminata da denti di squalo.

Tutto ciò, con lo sfondo sulla Val d’Alpine e sui Colli Euganei.




PARCO DELLE CASCATE DI MOLINA (FUMANE, VERONA)

Prepariamoci ad entrare in un’oasi che si estende per 80.000 mq nella valle di Fumane, alla quale non manca nulla: ovviamente, ci sono le suggestive cascate, per le quali il luogo è conosciuto, ma ci si incammina in sentieri che ci mostrano anche pozzi, mulini centenari, fontane, grotte, ponticelli.

30 milioni di anni fa, la natura ha voluto che emergessero le pietre e che fossero modellate, spostate, sgretolate, levigate, dagli agenti esterni come l’acqua, che qui, in questo luogo, scorre accanto alle rocce non solo sotto forma di cascate, ma anche di torrenti e specchi d’acqua. Nello specifico, parliamo dei torrenti Vaio delle Scalucce e Vaio di Molina.

In questa porzione di mondo, che sembra essere uscita da un romanzo, si cammina incontrando tutti gli elementi che la natura ha offerto al nostro pianeta: non solo roccia e acqua, ma anche erba dei prati e alberi dei boschi.

Per un’emozione in più, è stata allestita un’altalena che oscilla fino a sfiorare una delle cascate.


Si posteggia l’auto in un parcheggio sopra Molina, e si attraversa a piedi, in discesa, il paese; un piccolo borgo medioevale che ci farà fare un balzo indietro nel tempo poiché conserva ancora il fascino dell’antichità, con i suoi vicoli e la sua architettura.

Il nome del luogo, Molina, rimanda ai mulini della zona, un tempo messi in funzione dalle acque, le stesse che, in questa valle, danno origine alle cascate del parco.

Al costo di 6€ per il biglietto intero (dai 12 anni, mentre il biglietto ridotto costa 4€ per i bambini dai 6 agli 11 anni), si può scegliere di visitare questo luogo fuori dal tempo, scegliendo, in base alle proprie esigenze, tra tre itinerari:

VERDE: 1,2 km, si percorre in 30 minuti

ROSSO: 2,3 km, si percorre in un’ora

NERO: 3,6 km, si percorre in due ore



Il Veneto, una regione da visitare in ogni suo angolo!

0CARRELLO