PARTNER

INFO

Yowalk è un dispositivo medico CE. 
E' detraibile dalle spese mediche nella dichiarazione dei redditi. Identificativo di registrazione: BD/RDM 1763389

CONTACT & SOCIAL

e-mail: info@yowalk.it  |  tel.: +39 349 358 9306

  • Grey Facebook Icon
  • Grey Instagram Icona
  • Grey YouTube Icon

© 2019 by Yowalk Italia | Ruiz Onil - P.Iva 05134860286

Guardiamo i nostri piedi per osservare la nostra salute!

Imparare ad osservare e ad ascoltare i nostri piedi è importante per capire che tipo di attenzione richiede il nostro corpo in quel momento.

Fastidi, patologie, carenze alimentari, piccoli e più sostanziali disturbi si nascondono dietro a determinati segnali che l’organismo ci trasmette per invitarci ad un periodo di premura.

E molti sintomi sono visibili proprio qui, nei nostri piedi!

Cosa può esserci dietro a questo fastidio?

Quello, è un problema puramente estetico o è il caso di approfondire?

Riconoscere alcune avvisaglie ci consente di non indugiare o posticipare un approfondimento, quindi ecco di seguito quello che talvolta può nascondere un dolore o un cambiamento che abbiamo notato (anche visivamente, perché no?) nei nostri piedi.


CADUTA DELLA PELURIA NELLE DITA

È un sintomo della cattiva circolazione sanguigna. Infatti, se il flusso di sangue non apporta ai bulbi un’adeguata dose di nutrienti, il pelo si indebolisce e arriva a cadere.


UNGHIE INGIALLITE

È un problema estetico che può nascondere una dolorosa infezione da funghi, chiamata onicomicosi. L’unghia comincia a perdere sottigliezza e trasparenza, assumendo un aspetto più spesso e dal colorito più scuro, giallastro o con macchie biancastre. La durezza dell’unghia però non è sinonimo di solidità, anzi, proprio a causa del suo ispessimento può a poco a poco sgretolarsi e sfaldarsi.

Con qualche accortezza, è possibile prevenire: curiamo l’igiene delle unghie mantenendole corte e asciutte; l’utilizzo di una scarpa traspirante ci consente di limitare la sudorazione e quindi l’umidità. In più, è sconsigliato camminare a piedi nudi in luoghi affollati e pubblici.


PIEDI FREDDI

Anche questo è un sintomo di scarsa circolazione, come è risaputo. Ma dietro a questo problema, può esserci dell’altro, come ad esempio disturbi legati alla tiroide o al fenomeno di Raynaud; i portatori di questa sindrome hanno a che fare con questo fastidio quando percepiscono una sensibile variazione di temperatura dal caldo al freddo o nei periodi di particolare stress, con un conseguente calo nel ritmo della circolazione sanguigna verso le estremità degli arti.

Stiamo per vedere nel prossimo paragrafo un altro sintomo di questo fenomeno.


PELLE CHE CAMBIA COLORE

Soprattutto se si tratta di gradazioni che variano tra bianco, blu e rosso, si potrebbe proprio essere di fronte alla sindrome di Raynaud. Il cambio di colorazione della pelle nelle estremità del nostro corpo dipende dalla chiusura momentanea dei vasi sanguigni, che interrompe e rallenta il flusso di sangue. Tutto ciò può provocare dolore e sensazione di intorpidimento, ma è doveroso aggiungere che nella maggior parte dei casi questa difficoltà non è associata ad alcun altro disturbo, e non è preoccupante.


DOLORE ALLA PIANTA DEL PIEDE

Quando non si tratta di semplice affaticamento o di stress da carico eccessivo, è consigliato approfondire per escludere disagi quali fascite plantare e neuroma di Morton.


ISPESSIMENTO DELLA PELLE

Se l’ispessimento riguarda una piccola area ben precisa della pelle del piede, e se tale zona è particolarmente sollecitata a livello di ripetuta pressione e sfregamento continuo, potrebbe trattarsi di tiloma. Interessa la pelle più in profondità rispetto al callo e per questo motivo è anche doloroso.

Come accade in molte problematiche legate ai piedi, una scarpa adeguata e adatta ai nostri piedi, non stretta e fabbricata con materiali e tessuti di qualità, riduce considerevolmente il rischio di fastidi. In questo caso, una buona calzatura argina il rischio di eccessivi attriti e sfregamenti della pelle, che provocano tra l’altro anche calli e vesciche.


CRAMPI AI PIEDI

Spesso vengono associati a questioni di movimento e affaticamento, ma possono essere anche sintomo di scarsa idratazione (spesso legata all’eccessiva sudorazione non compensata da una corretta reintroduzione di liquidi) o di carenze nutrizionali di calcio, vitamina D, magnesio e potassio.

Risulta oramai quasi prevedibile affermare che un ruolo fondamentale viene giocato dalla qualità delle scarpe che indossiamo.



Abbiamo considerato solo alcune delle problematiche che potrebbero infastidire i nostri piedi. Ma il suggerimento che ne consegue è solamente uno e vale per tutte:


guardiamo e ascoltiamo i nostri piedi, perché sapranno sicuramente farci capire se dobbiamo aggiustare qualcosa nel nostro stile di vita o nelle nostre abitudini quotidiane.
E in più, sapere e conoscere, ci aiuta a prevenire.




0CARRELLO